Ernia iatale, alimentazione e suggerimenti

Comment

Ernia iatale dieta

Ernia iatale alimentazione: evitare i cibi acidi

I soggetti affetti da ernia iatale spesso non presentano sintomi. La dieta è molto importante per evitare l’insorgenza di sintomi che prima erano del tutto assenti. Come possiamo curare questo disturbo? Con un’ernia iatale alimentazione deve essere corretta e lo stile di vita decisamente sano. Grazie a una giusta dieta, infatti, si possono controllare sintomi come il bruciore di stomaco e l’indigestione acida. Quando si è affetto da ernia iatale, gli acidi dello stomaco possono attaccare più facilmente l’esofago attraverso il tubo presente, provocando sensazione di bruciore alla gola e al petto. Molti alimenti possono rendere i sintomi addirittura peggiori. Generalmente si devono evitare alimenti acidi capaci di indebolire l’esofago. E’ il caso di agrumi (pompelmi, limoni, succo d’arancia, succo di mirtillo, limonata), aglio, cipolle e cioccolato. E’ necessario anche evitare cibi fritti, soprattutto se si tratta di tagli di carne estremamente grassi. Da evitare anche i cibi piccanti, i piatti a base di pomodoro, la menta peperina, il caffè, il tè e il peperoncino. Le bevande gassate devono essere completamente rimosse così come dolci e formaggi.

Preferire gli alimenti magri e salutari

Ernia iatale alimentazione: aumentare il consumo di frutta e verdura.

I cibi da evitare perché a basso tasso di acidità sono: mela, fagiolini, banana, broccoli, piselli, cereali, carote, cracker, pasta, riso e pane. E’ possibile consumare latte con pochissimi grassi. Anche i formaggi possono essere consumati se privi di grassi. Altri cibi che non portano alcun tipo di danno sono: salatini, gallette di riso, patate, dolci poco grassi, pesce, patatine (non fritte) e, infine, acqua. La scelta su cosa mangiare deve essere fatta in maniera saggia ma conta anche il modo in cui si cucinano le cose. I piatti devono essere conditi con moderazione e non devono includere salse e cose simili. Il latte e lo yogurt devono essere sostituiti con versioni più magre. Le verdure devono essere cotte a vapore e con poca acqua mentre l’uso di burro, olio e creme deve essere limitato al massimo. Infine evitare di mangiare abbondantemente.

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *