Ernia iatale artemisia

Comment

Approfondimenti

Ernia iatale artemisia

Per favorire la secrezione dei succhi gastrici e rendere la digestione meno laboriosa in caso di ernia iatale si consiglia come rimedio naturale l’artemisia, che possiede diverse proprietà benefiche per la salute in generale. I principi attivi della pianta si concentrano soprattutto nelle sommità fiorite dell’artemisia dove sono presenti diversi oli essenziali quali linaiolo, cineolo, beta tujone, alfa e beta pinene, borneolo, neroli, mircene; la pianta possiede anche una consistente quota di lattoni sesquiterpenici e flavonoidi a cui ascrivere un’azione antispasmodica in questo modo si riducono le manifestazioni connesse agli spasmi muscolari, questo rimedio viene impiegato anche contro parassitosi intestinali. La pianta possiede anche un’azione emmenagoga per cui è consigliata alle donne che presentano delle alterazioni del ciclo mestruale in quanto i fitoestratti della pianta regolano il flusso mestruale in caso di amenorrea e di irregolarità delle mestruazioni; tra le altre applicazioni del rimedio naturale ci sono casi specifici visto che si tratta di un efficace rimedio antisettico ed espettorante utile in caso di tosse.

Misure preventive per favorire l’attività eupeptica

 In caso di gastrite oppure di ernia iatale per lenire la sintomatologia è bene seguire una dieta capace di stimolare una naturale attività eupeptica dello stomaco partendo dall’eliminazione di tutti quegli alimenti che tendono a causare irritazione a livello intestinale, bisogna prestare attenzione alle spezie, al caffè, ai cibi troppo elaborati, ai dolci ed alle bibite gassate; meglio poi rinunciare all’uso eccessivo di farmaci, così come andrebbero messi al bando il fumo e l’alcool. Per favorire la corretta fase digestiva e ridurre gli eventuali disagi di tipo gastrointestinale è opportuno inoltre ridurre tutte le occasioni che di possono determinare un eccesso di stress prolungato; tra le altre misure comportamentali da seguire per scongiurare i sintomi connessi con l’ernia iatale si consiglia di ripartire i pasti in piccoli e frequenti appuntamenti così da intervallare i tre pasti principali della giornata con due spuntini.

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *