Extrasistole e presenza di ernia iatale

Comment

Approfondimenti Ernia iatale sintomi

Extrasistole ed ernia iatale

Extrasistole-e-presenza-di-ernia-iatale

L’extrasistole è una problematica che può originare a livello
cardiaco, generando la cosiddetta aritmia, ossia battiti
prematuri che avvengono per una contrazione precoce del
muscolo cardiaco alterante la conseguente successione del
ritmo cardiaco. Non a caso il termine extrasistole significa
letteralmente “battito aggiunto”. Spesso questo tipo di
fenomeno si manifesta subito dopo pasti particolarmente
abbondanti, quando si è in presenza di ernia iatale.
In genere, relativamente alla sorgente di origine
l’extrasistole è classificata come sinusale dunque molto rara,
atriale, giunzionale e ventricolare ovvero le più frequenti.

Cause comuni di extrasistole

L’extrasistole è un fenomeno molto comune anche nelle
persone sane e può insorgere per diverse motivi: stato di
salute alterato (cardiopatie), stili di vita scorretti (abuso di
alcol e caffè, fumo), altre cause quali stanchezza, sforzi fisici,
insonnia, stress, ansia. Una delle situazioni più frequenti
che vede lo svilupparsi di alterazioni del ritmo cardiaco sono i pasti
abbondanti, dopo i quali a causa della distensione eccessiva
dell’ambiente gastrico, vengono ad aumentare i sintomi
legati a ernia iatale o reflusso gastroesofageo. Più raramente
possono svilupparsi per problematiche a livello elettrolitico
(deficit di sali minerali) o per problemi a livello tiroideo. In
genere l’extrasistole comporta sensazioni simili ad un battito
mancante oppure doppio, palpitazioni, nausea, vertigini,
debolezza, pallore, sudorazione ed ansia. Comunque è
sempre effettuare periodiche visite cardiologiche per
scongiurare la presenza di eventuali patologie cardiache più
gravi. E’ possibile ridurre o far cessare il disturbo andando
a modificare il proprio  stile di vita sia alimentare che fisico
ma anche ricorrendo a terapie psicologiche che possono far
riflettere sugli stati d’ansia fautori del disturbo riducendoli
o, nel migliore dei casi, eliminandoli del tutto. Non sempre
infatti all’origine di disturbi puramente fisici ci sono cause
organiche, molte volte le motivazioni sono da ricercare a
livello psicologico e mentale in tutti i possibili meccanismi
di somatizzazione esistenti.

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *