Sintomi di ernia iatale: diagnosi e trattamento

Comment

Ernia iatale sintomi

Sintomi di ernia iatale: consigli e prevenzione

Del torace e dell’addome sono separati da una struttura chiamata membrana fibromuscolare. Lo iato diaframmatico è il foro, o apertura, attraverso la quale passa l’esofago. La giunzione esofago-gastrica normalmente si trova immediatamente sotto il diaframma e, quando è posizionata sopra di esso, siamo di fronte a un’ernia iatale. L’esistenza di un’ernia iatale favorisce l’insorgenza di reflusso gastro-esofageo. I sintomi di ernia iatale sono evidenti soprattutto quando si ha il reflusso gastroesofageo. Ma non solo. Tra i sintomi tipici ci sono anche: bruciore di stomaco, eruttazione, disfagia (disagio durante la deglutizione) e rigurgito (sensazione di reflusso del cibo). Ci sono anche dei sintomi atipici che comprendono: tosse, raucedine, dolore toracico che può far pensare a un infarto, frequente sensazione di irritazione in gola. Meno frequentemente si possono verificare asma e polmonite. Il medico, per effettuare una giusta diagnosi, cercherà nel paziente i sintomi sopra descritti.

Cure per l’ernia iatale

Sintomi di ernia iatale: gli ant-infiammatori alleviano il bruciore di stomaco.

Il trattamento clinico dell’ernia iatale si basa sulla modifica dello stile e delle abitudini di vita. Nello specifico, si cerca di controllare la secrezione acida presente nello stomaco, accelerando lo svuotamento gastrico. Il paziente deve poi perdere peso (se si è di sopra del loro peso ideale), evitare di bere alcolici, cioccolato, succhi di agrumi e salse rosse. Bisogna evitare di mangiare eccessivo, di mangiare più volte al giorno con piccole quantità alla volta. Inoltre non bisogna coricarsi per almeno tre ore dopo i pasti. Il trattamento chirurgico di solito viene eseguito per via laparoscopica. Si potrà correggere l’ernia iatale (quando è presente), ponendo lo stomaco nella posizione corretta, diminuendo lo iato esofageo. Quasi il 95% dei pazienti, dopo l’intervento chirurgico, sono liberi da sintomi e farmaci. Se il paziente è molto giovane, con una lunga aspettativa di vita, o quando non può permettersi il costo del trattamento, la chirurgia dovrebbe essere presa in seria considerazione.

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *