Terapia ernia iatale: farmacologica e naturale

Comment

Approfondimenti

Terapia ernia iatale: i farmaci

Una terapia per l’ernia iatale è utile per combattere i sintomi che questa provoca, ma non serve a curare definitivamente questa patologia visto che è possibile eliminarla solo con l’intervento chirurgico. Tuttavia una terapia farmacologica può essere abbastanza utile nel tenere a bada i disturbi tipici dell’ernia iatale, sopratutto il reflusso acido. I farmaci maggiormente utilizzati sono degli antiacidi che servono appunto a tenere sotto controllo l’acidità gastrica. Insieme a questi, potrebbe essere utile la somministrazione di inibitori della pompa protonica, questi sono dei farmaci che diminuiscono la produzione di acido. La riduzione della produzione di acido è necessaria poichè è proprio questo ad irritare lo stomaco una volta che la mucosa dello stomaco si danneggia e l’acido corrode i tessuti. Gli inibitori di pompa protonica più utilizzati sono pantoprazolo, lansoprazolo e omeprazolo. Per ulteriori informazioni sulle terapie farmacologiche, vi consiglio la lettura del seguente articolo: “Ernia iatale: farmaci come cura dei sintomi“.

Terapie alimentari e naturali per l’ernia iatale

Terapia ernia iatale

Se i sintomi sono leggeri e rari, sarebbe opportuno prendere in considerazione una terapia basata sopratutto sull’alimentazione, eliminando tutti quei cibi che provocano o aumentano i fastidi, i cibi devono essere cucinati nel modo più leggero possibile e non devono essere molto conditi sopratutto con salsine. Oltre ad un’alimentazione equilibrata, sulla quale potrete ottenere maggiori informazioni leggendo il seguente articolo: “Alimentazione per ernia iatale: come controllare i sintomi” , potrete utilizzare dei rimedi naturali come infusi di camomilla e finocchio, ottimi per  combattere i dolori adominali. L’unica terapia funzionante per l’ernia iatale e non per i disturbi è l’intervento chirurgico, che può essere considerato quando le dimensioni dell’ernia sono molto accentuate ed i disturbi sono frequenti. L’intervento oggi è molto diffuso e viene effettuato in laparoscopia, diminuendo così il rischio di infezioni, il dolore e le cicatrici.

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *